Vai al menu

Piano Triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza   Feed Rss

Il Programma Triennale per la Trasparenza e l'Integrità  si qualifica come il naturale compimento del complesso percorso di riforma del sistema pubblico italiano volto a rendere sempre più accessibile ai cittadini il mondo delle istituzioni, normato dall'art. 11 del D. Lgs. 150/2009 , che, al comma 2 e al a comma 7, ne disciplina finalità  e contenuti ed integrato successivamente dal D. Lgs 33/2013 che riordina la disciplina sulla pubblicità , trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni definendo le specifiche e le regole tecniche (Allegato A) nei siti istituzionali di documenti, informazioni e dati relativi alla organizzazione e attività  delle pubbliche amministrazioni. 

Uno dei concetti di rilievo è riportato all'art.4 co. 4 "Nei casi in cui norme di legge o di regolamento prevedano la pubblicazione di atti o documenti, le pubbliche amministrazioni provvedono a rendere non intelligibili i dati personali non pertinenti o, se sensibili o giudiziari, non indispensabili rispetto alle specifiche finalità  di trasparenza della pubblicazione". 
Vengono definite le qualità  delle informazioni e il diritto di accesso civico, l'obbligo di conservazione dei dati nella sezione del sito di archivio alla scadenza del termine di durata dell'obbligo di pubblicazione. 

La legge n. 69/2009 aveva introdotto particolari obblighi di trasparenza per le Amministrazioni Pubbliche tra cui quello di pubblicare sul proprio sito internet le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale del dirigente, i tassi di assenza e di maggiore presenza del personale. 
Tale prescrizione normativa è stata successivamente integrata e specificata da successive circolari emanate dal Dipartimento della Funzione Pubblica (circolari n.3 e n.5 del 2009 e circolare n. 1 del 2010) e innovata dall'art. 11 D. Lgs 150/2009 e ripreso successivamente all'art. 10 del D.Lgs n.33/2013 il quale impone alle Pubbliche Amministrazioni di pubblicare sul proprio sito internet il Programma triennale per la trasparenza e l'integrità  ed il relativo stato di attuazione indicando le iniziative per garantire un adeguato livello di trasparenza, legalità e sviluppo della cultura dell'integrità  
Un piano in stretta connessione con il piano di prevenzione della corruzione e con la programmazione strategica e operativa definita anche nel Piano della performance di cui è richiesta la pubblicazione nella medesima sezione del sito. Il principio di trasparenza investe il settore contabile e patrimoniale, amministrativo e concorre alla realizzazione di una amministrazione aperta al servizio del cittadino. 

Le Linee Guida per i siti web della PA (26 luglio 2010), previste dalla Direttiva del 26 novembre 2009, n. 8, del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione prevedono che i siti web delle P.A. debbano rispettare il principio di trasparenza tramite l'accessibilità  totale da parte del cittadino alle informazioni concernenti ogni aspetto dell'organizzazione dell'Ente pubblico, definendo inoltre i contenuti minimi dei siti istituzionali. 


La Legge 7 agosto 1990 n. 241, definisce i principi generali dell'attività  amministrativa ed indirizza le attività  preordinate : 

- alla conclusione del procedimento (art. 2); 
- alla definizione dellâ'unità  organizzativa responsabile del procedimento (art. 4); 
-all'individuazione del responsabile del procedimento (art. 5). 

In coerenza con quanto previsto dal citato art. 54 del Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 "Codice dell' Amministrazione digitale"( CAD), i siti istituzionali devono contenere l'elenco dei procedimenti amministrativi di competenza dell' Amministrazione titolare del sito e per ciascuno indicare: 

-l'ufficio dirigenziale cui compete il procedimento ed il relativo responsabile; 
- il termine per la conclusione del procedimento; 
- l'unità  organizzativa responsabile dellâ'istruttoria, di ogni altro adempimento procedimentale e dell'adozione del provvedimento finale; 
-le scadenze e le modalità  di adempimento dei procedimenti. Il servizio di consultazione dell'elenco dei procedimenti dovrà  essere raggiungibile dalla home page del sito, in posizione ben evidente, e correlata alle sezioni informative sui procedimenti ed a quelle di distribuzione della modulistica e servizi on line. 

Le Linee Guida per i siti web della PA (26 luglio 2010), previste dalla Direttiva del 26 novembre 2009, n. 8, del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione prevedono che i siti web delle P.A. debbano rispettare il principio di trasparenza tramite" l'accessibilità  totale" da parte del cittadino alle informazioni concernenti ogni aspetto dell'organizzazione dell'Ente pubblico, definendo inoltre i contenuti minimi dei siti istituzionali. 

La redazione del Piano Triennale della Trasparenza e Integrità  è strutturata in sezioni relative a: 

- Premessa e supporto normativo 
- Sezione programmatica:Attività  di pianificazione 
-  Definizione degli standard di pubblicazione dei dati 
-  Individuazione dati da pubblicare e aggiornamenti 
-  Albo pretorio - Individuazione dei responsabili 
- Iniziative di coinvolgimento degli stakeholder e promozione della cultura della trasparenza. 
- Posta elettronica certificata; 
- Attuazione del programma 
- Carta dei servizi


    Contenuti disponibili in Piano Triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

    Cookie policy Numero visitatori 6800             
    torna all'inizio del contenuto